Bisogna correggere gli errori di un bambino disortografico?

Salve sono un’insegnante di scuola primara, ho vari alunni certificati DSA, vorrei chiederle per quanto riguarda la disortografia, dovrò correggere gli errori di un alunno disortografico? come devo comportarmi?

Gentilissima insegnante,

la gestione degli errori di ortografia di un bambino disortografico é senz’altro rilevante e la sua domanda centra una questione importante. Infatti, non sarebbe giusto “sorvolare” del tutto sugli errori commessi dal bambino, che potrebbe interpretare questo modus operandi dell’insegnante come una voluta mancanza di attenzione verso i suoi reiterati errori. D’altro canto, é impossibile pensare ad una correzione tradizionale, con tanto di sottolineature in rosso di ogni singolo sbaglio. Piuttosto, é buona prassi concordare col bambino e con la sua famiglia una modalità di gestione dell’errore che rileva le “categorie” di errori (per esempio, tutte le doppie, tutti gli accenti, eccetera), da annotare in forma marginale sul compito dell’alunno, il quale saprà, essendogli stato spiegato dall’insegnante, che quelle annotazioni
marginali si riferiscono ad errori più volte commessi.

Cordiali saluti
Rossana Gabrieli

I commenti sono chiusi.