Referente BES: chi è e quanto viene retribuito

Referente BES. Mi chiedo chi è, e cosa deve/può fare, il referente dsa, ma anche come viene inquadrato amministrativamente ai fini contributivi. Quali obblighi e doveri. Altre eventuali informazioni sull’incarico. C’è un protocollo? Grazie.

Rossana Gabrieli – Gentilissimo,

a differenza di quanto avviene per altre figure di sistema (si veda il caso delle Funzioni Strumentali), per le quali esiste uno specifico iter burocratico ed amministrativo dal momento dell’attribuzione dell’incarico fino alla liquidazione del relativo compenso, la normativa scolastica non è altrettanto chiara in merito alla definizione ed al ruolo delle figure dei referenti DSA e/o BES.

Quanto sopra lascia, purtroppo, spazio a differenti modus operandi: in alcune istituzioni è il Dirigente che conferisce a sua discrezione l’incarico, in altre si passa attraverso la votazione del Collegio.

Ci sono, poi, alcune situazioni in cui non esiste una figura a sé, ma si affida questo ruolo al responsabile del Gruppo H.

Quanto alla retribuzione, questa è oggetto di contrattazione e si attinge al Fondo d’Istituto, ma non esiste un compenso definito per legge.

Non esiste purtroppo un protocollo a cui fare riferimento.

I compiti che il Referente svolge rientrano nel quadro di una promozione di azioni sinergiche per favorire un sereno percorso scolastico degli alunni DSA e/o BES. Realizzazione di giornate di accoglienza, raccordo comunicativo tra scuola e famiglia, raccolta di materiali relativi a buone pratiche e di norme relative alle aree di interesse sono tra le attività che di solito connotano i compiti del Referente.

I commenti sono chiusi.