La dispensa dalle prove scritte della maturità per gli alunni con DSA si può attuare solo per le lingue straniere?

Vorrei sapere se la dispensa dal sostenere le prove scritte per allievi DSA si può mettere in atto per qualsiasi materia o solo per le lingue e se la dispensa dagli scritti viene accettata in sede di esame di maturità. So che in occasione degli esami di maturità è possibile somministrare prove equipollenti agli allievi con programmazione semplificata e agli allievi DSA. Non mi è mai successo di assistere ad un esame in cui si sia verificata questa situazione, quindi vorrei sapere se e con quali criteri e tempi la commissione predispone tali prove dopo la ricezione delle stesse in versione “standard” dal MIUR. Si possono ritenere prove equipollenti verifiche a crocette o comunque strutturate?

Rossana Gabrieli – La Legge 170 e le Linee Guida prevedono che, in caso di dispensa dallo studio della lingua scritta, il ragazzo sia valutato nella sola forma orale e ciò comporta che non solo in corso d’anno, ma anche durante lo svolgimento delle prove di lingua straniera durante gli Esami di Stato, la prova scritta non venga effettuata. Tale dispensa, peraltro, non viene in nessun modo ad incidere sul conseguimento del diploma di Licenza Media o di Maturità, che sono in tutto e per tutto identici a quelli di qualunque altro studente.

Tale possibilità, però, riguarda soltanto le lingue straniere e non altre discipline e, soprattutto, le richiesta deve essere effettuata dalla struttura sanitaria e/o accreditata ed essere depositata agli atti della scuola.

Quanto agli studenti DSA che non usufruiscono della dispensa, le loro prove d’esame scritte in lingua straniera vengono svolte con il supporto degli strumenti compensativi e misure dispensative e, soprattutto, per quanto riguarda gli Esami di maturità, l’adeguamento delle griglie valutative, piuttosto che delle prove ministeriali. Ciò consente di valutare gli studenti DSA secondo le “specifiche situazioni soggettive”, come previsto dall’articolo 10 del DPR 122/2009.

I commenti sono chiusi.