Come funzionano le mappe strutturali per gli studenti della scuola secondaria di secondo grado?

Buonasera vorrei conoscere meglio come funzionano le mappe strutturali per gli alunni della scuola secondaria di secondo grado. Grazie

Rossana Gabrieli – Gentilissima/o,

spesso si parla, genericamente, di mappe concettuali o di mappe mentali, che abbiamo già descritto in precedenti articoli. Parlare di mappe strutturali significa sicuramente congiungere un discorso di tipo didattico ad uno metadidattico, ovvero non solo attraverso lo sviluppo della mappa strutturale noi sviluppiamo un certo argomento, ma focalizziamo anche il “motivo” per cui lo stiamo affrontando e quindi si adattano perfettamente a tutte le situazioni in cui si analizza, si progetta, si classifica. Ciò le rende sicuramente particolarmente adatte nello studio del periodo della secondaria di secondo grado, anche se si può iniziare a lavorare un’ottica “strutturale” anche nei gradi precedenti della scolarità.

Per ulteriori spiegazioni e per esempi, veda: http://www.noiosito.it/mcsc.htm

I commenti sono chiusi.