Dislessia: fare il punto della situazione a Modena

76764111_XSdi Rossana Gabrieli – Il prossimo mese di ottobre la Legge 170 compirà sette anni e se, per certi versi, non si può negare che si é trattato di un successo meritato per tutti gli studenti con Disturbo di Apprendimento e per le loro famiglie, che per anni si sono visti negare diritti sacrosanti nell’ambito scolastico, d’altra parte non é possibile affermare che tutti i problemi siano risolti.

Molto resta da fare, sia a livello di formazione del personale scolastico, che, non sottovalutiamolo, per quanto riguarda la sensibilizzazione a tutti i livelli educativi e sociali.

Diventa, perciò, davvero importante fare il punto della situazione sullo stato dell’arte, ma anche rispetto ai punti attualmente più spinosi e dibattuti, come la didattica delle lingue straniere e, soprattutto, di quelle classiche. Tutto ciò, nell’ottica di un miglioramento della qualità di vita e di istruzione per gli studenti DSA di ordine e grado di scuola, compresa, ovviamente, l’istruzione universitaria.

Tutto ciò sarà il tema del sedicesimo Congresso AID (Associazione Italiana Dislessia), che si svolgerà a Modena, i prossimi 24 e 25 settembre, presso il Centro Servizi Didattici del Policlinico Universitario.

Un’importante occasione di confronto sulle questioni ancora irrisolte in campo scolastico, sanitario, sociale e lavorativo, relativamente ai DSA, e sulla valorizzazione delle buone prassi già esistenti. In ambito sanitario, il focus sarà sulle raccomandazioni cliniche emerse dai documenti delle Consensus Conference (la loro effettiva applicazione, i nodi critici, il possibile aggiornamento) e sulla presa in carico riabilitativa delle persone con DSA. Sul tema Scuola, gli interventi si concentreranno su come garantire l’effettivo successo formativo dello studente con DSA, dalla scuola primaria all’università, con particolare attenzione all’insegnamento delle lingue straniere. Sabato 24 un workshop organizzato in collaborazione con l’Università di San Marino, metterà a confronto varie esperienze di doposcuola specializzati per DSA. Domenica 25 verrà presentato Dislessia Amica, il progetto di formazione e-learning per docenti sviluppato con Fondazione TIM e finalizzato a costruire una scuola più inclusiva per gli studenti con DSA. Altro tema centrale sarà l’inserimento nel mondo del lavoro delle persone con DSA: verranno approfondite le buone prassi che consentono alle aziende di valutare e valorizzare le capacità e il talento delle persone con dislessia, favorendo la loro crescita professionale”.

Tutte le informazioni al link http://www.aiditalia.org/Media/Documents-main/2016_convegno_nazionale_modena/Programma_XVI_convegno_nazionale_AID.pdf

I commenti sono chiusi.