Alunno morde compagno, un altro voleva lanciarsi dalla finestra. Disturbo Oppositivo Provocatorio problema impegnativo per insegnanti

Sono una docente di scuola primaria. Sono 2 giorni che faccio supplenza in una quarta, dove ci sono ben due bambini con Disturbo Oppositivo Provocatorio. Stamani uno dei due ha morso in compagno, mentre io cercavo di calmare l’altro che voleva lanciarsi dalla finestra. Durante la lezione disturbano continuamente, suscitando l’ilarità dei compagni. Credo che non sia mai stato fatto un discorso alla classe su come favorire i comportamenti virtuosi. Sono capaci di girare continuamente lungo il perimetro della stanza e la situazione mi sfugge di mano. Ammetto la mia incapacità a gestire queste dinamiche e mi sento impotente di fronte alla loro richiesta di aiuto. Non so cosa fare per farli sedere. Ci sono dei corsi per docenti, che insegnino strategie pratiche per contenere questi bambini e che non siano solo teorici?

risposta – Gentilissima insegnante,
Il Disturbo Oppositivo Provocatorio è uno dei problemi più impegnativi per un insegnante e rischia di trasformare una giornata di lavoro in una situazione di fortissimo stress.
La prima cosa che la esorto a fare è quella di “creare rete”, ovvero di investire del problema tutte le componenti che girano intorno alla classe: gli altri docenti, i rappresentanti dei genitori, il Referente BES, il Dirigente Scolastico.
Poi, la invito senz’altro a partecipare alla Conferenza organizzata da Forum Media proprio sulle tecniche di gestione della classe con alunni DOP, che fornirà non tanto delle informazioni psicologiche ed educative (comunque necessarie), ma soprattutto entrerà nel merito delle tecniche di gestione.
Per maggiori info http://web.forum-media.it/conferenza/.
Cordiali saluti!

Servizio di consulenza gratuito su BES e DSA su argomenti di carattere didattico e normativo. Risponderà Rossana Gabrieli. Invia il tuo quesito

ads

I commenti sono chiusi.